Torna indietro

Stitichezza durante l’allattamento: quali sono i rimedi e le cure efficaci?

Quali sono i principali sintomi?

La stitichezza colpisce spesso le donne, sia durante la gravidanza sia in seguito al parto. Il disturbo può alterare la qualità della vita, ma può essere contrastato con rimedi efficaci privi di controindicazioni sia per la mamma, sia per il bambino.

I sintomi che si sviluppano più comunemente sono gonfiore intestinale e dolore, flatulenza e feci dure, con conseguente formazione di emorroidi e ragadi. La presenza di feci stagnanti nell’intestino può favorire lo sviluppo di batteri responsabili di infezioni delle vie urinarie e genitali.

La stitichezza può colpire anche il neonato: occorre però tenere presente che la scarsità di evacuazioni potrebbe dipendere da altri fattori, quali la difficoltà a succhiare il latte.

Nei neonati la stipsi si manifesta soprattutto con l’espulsione di feci formate e poca frequenza ma è bene considerare che per i bambini in questa fascia di età il numero medio di evacuazioni può variare da una ogni poppata fino a una ogni 4 o 5 giorni¹.

Fino ai due anni di età non è possibile intervenire con farmaci contro la stitichezza, mentre per bambini dai 2 ai 12 anni Eva/qu® costituisce un rimedio efficace e privo di controindicazioni.

Quali sono le cause della stitichezza durante l’allattamento?

Le principali cause della stipsi nella donna durante l’allattamento sono simili a quelle che si verificano durante la gravidanza e sono legate ai cambiamenti subiti dal corpo nel corso di questa delicata fase della vita:

  • mutamenti ormonali, in particolare l’aumento di progesterone², ormone che funge da miorilassante per l’intera muscolatura del corpo, intestino compreso;
  • il progressivo ritorno dell’utero e degli organi alle dimensioni e posizioni naturali;
  • l’assunzione di antidolorifici;
  • scarsa attività fisica, cambiamenti nella dieta e stress.

La stitichezza colpisce molto raramente i bambini allattati al seno, mentre è più frequente nei bambini allattati artificialmente ed è solitamente imputabile a una scarsa diluizione del latte artificiale o alla somministrazione precoce di cibi solidi.

Tra le cause di stipsi infantile non sono da escludere inoltre fattori psicologici, come la paura derivante dall’esperienza di un’evacuazione dolorosa (ragadi) o il cambio delle proprie abitudini (l’utilizzo di servizi igienici pubblici della scuola per esempio).

Quali sono i migliori rimedi per la stitichezza durante l’allattamento?

Una soluzione efficace per contrastare l’insorgere della stitichezza nelle donne in fase di allattamento è mantenere una corretta alimentazione che favorisca l’idratazione dell’organismo. È utile integrare la dieta con alimenti ad alto contenuto di fibre, che aiutino a trattenere i liquidi, quindi frutta e verdura, cereali integrali e legumi. Il consumo di latticini stimola l’aumento dell’acidità intestinale migliorando la qualità della flora batterica.

È raccomandabile evitare alimenti astringenti e ingredienti con forte capacità di assorbimento dei liquidi (sale), mentre si consiglia di bere molta acqua durante il giorno. È inoltre importante mantenere uno stile di vita che comprenda dell’attività fisica.

Queste attenzioni, tuttavia, possono non essere sufficienti per prevenire e contrastare la stipsi durante il periodo di allattamento: in questi casi è possibile ricorrere a rimedi farmacologici privi di controindicazioni, sicuri sia per la mamma sia per il bambino.

Le supposte effervescenti Eva/qu® sono indicate contro la stipsi durante l’allattamento?

Eva/qu® è il rimedio efficace per la stitichezza con effetto lassativo, privo di controindicazioni e pertanto indicato durante l’allattamento. La caratteristica effervescenza delle supposte Eva/qu® favorisce i movimenti intestinali, stimolando l’evacuazione in modo naturale. Le supposte effervescenti Eva/qu® sono prive di glicerina, che stimola invece la peristalsi causando irritazione all’intestino.

Le supposte Eva/qu® non contengono inoltre nessun principio farmacologicamente attivo che possa essere assorbito dall’organismo: ciò rende particolarmente sicuro l’utilizzo per la mamma e il bambino.

¹ https://www.seattlechildrens.org/conditions/a-z/constipation/

² Treating constipation during pregnancy – Magan Trottier, MSc, Aida Erebara, MD, and Pina Bozzo
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3418980/